Blackjak Bio®: l'antistress per il post trapianto

29/04/2022
Nelle colture orticole la fase del trapianto è una fra le più delicate, generando diversi gradi di stress nelle giovani piantine. Blackjak Bio® di Sipcam Italia aiuta le colture a superare brillantemente questa fase critica
Blackjak Bio<sup>®</sup>: l'antistress per il post trapianto

Nel settore dell'orticoltura professionale le moderne macchine da trapianto hanno permesso di aumentare significativamente la produttività della manodopera, toccando rese orarie che spesso arrivano a ottomila e più piantine l'ora per singolo elemento. Nel tempo queste attrezzature si sono anche evolute quanto a delicatezza con cui le piantine vengono manipolate e trasferite al suolo. Ciò non ha però azzerato gli stress che normalmente queste subiscono dopo il trapianto stesso, richiedendo quindi specifiche cure in campo per il suo superamento. 


In questo contesto occorre supportare e favorire il corretto mantenimento dello stato fisiologico delle piante. Consentito anche in agricoltura biologica, Blackjak Bio® di Sipcam Italia è un fisioattivatore in sospensione liquida che contiene una miscela equilibrata di acidi umici, fulvici e umine, derivanti da leonardite. 

 

Se da un lato Blackjak Bio® apporta e favorisce l'assorbimento di preziosi nutrienti alle piante, dall'altro è anche in grado di attivare lo sviluppo radicale delle colture agendo come complessante di elementi nutritivi. Il superamento della crisi di post trapianto è favorito da somministrazioni regolari di Blackjak Bio®, in grado di stimolare la formazione di nuove radici e di accelerare lo sviluppo vegetativo stimolando i processi di fotosintesi. Nell'eventualità di stress termici, freddi o caldi, se ne consiglia una somministrazione fogliare anche in miscela con agrofarmaci. Di questi ne migliora infatti la penetrazione nei tessuti vegetali, massimizzandone quindi l'efficacia grazie al suo forte potere acidificante dell'acqua. 


Dal punto di vista applicativo, Blackjak Bio® può essere impiegato per via fogliare e con applicazioni in fertirrigazione in manichetta. L'intervallo di applicazione è molto ampio e include le prime fasi di sviluppo e prosegue fino alla pre fioritura, potendosi poi applicare nuovamente a partire dall'allegagione per tutta la fase di ingrossamento frutti favorendone la maturazione. 


I trattamenti per via fogliare si avvantaggiano di un elevato assorbimento grazie alla speciale formulazione di Blackjak Bio®. Per via radicale Blackjak Bio® agisce acidificando la rizosfera ed esplicando un'attività di complessante ionico esplicando anche un'attività antisalina del terreno.


I punti di forza

Blackjak Bio® è caratterizzato dalla più alta concentrazione di sostanze umiche nobili. Blackjak Bio® è ottenuto da un'originale lavorazione della leonardite, trattata esclusivamente con metodi fisici mantenendo un pH acido senza ricorrere a sostanze alcaline, come per esempio idrossido di sodio o di potassio. La reazione fortemente acida di Balckjak Bio® lo differenzia dagli altri estratti umici (caratterizzati da pH basico) e lo rende compatibile con la maggior parte degli agrofarmaci, promotori di crescita e concimi solubili.


Il processo di lavorazione e produzione è brevettato e permette di ottenere particelle di leonardite micronizzata in fase acquosa, completamente in sospensione e con un'elevata concentrazione di nutrienti organici e di macro e microelementi

 

Scarica la brochure di Balckjak Bio®